Gradischi

I GRADISCHI

SPIRITI. UMORI. RUMORI. PER IL BERE SOCIALE.SPIRITI. UMORI. RUMORI. PER IL BERE SOCIALE.SPIRITI. UMORI. RUMORI. PER IL BERE SOCIALE.SPIRITI. UMORI. RUMORI. PER IL BERE SOCIALE.SPIRITI. UMORI. RUMORI. PER IL BERE SOCIALE.

Se sei arrivato fin qui o ti sei innamorato di qualcuno dietro al banco, o vuoi davvero vedere le nostre 4 brutte facce.

La Gradisca Spirits nasce nel 2020 – che, diciamolo, è stato un buon anno – grazie alla volontà di entrare nel mondo della distribuzione.

Ad oggi fanno parte della GS Enterprises 2 locali e 5 spirits, che speriamo tu abbia visto nelle altre pagine del sito, perché qui troverai solamente 4 storie che si sono incrociate al bar.

Classe ’83 inizia a lavorare a banco un pò come tutti per pagarsi i vizi della vita universitaria. Dopo qualche anno, e la presa di coscienza di quel che avrebbe potuto fare con una laurea in scienze politiche (smile) apre il Gradisca Cafè, nell’ottobre del 2006.

Al momento si occupa esclusivamente dello sviluppo dei loro brand.

Andrea Tomasi classe 1983 in arte Tommy del Gradisca.
Bolognese di nascita, giramondo ma ormai da un decennio è stato adottato dai genovesi.

Molti scarabocchi, molti cocktail martini, una enorme passione per la musica (è un orgogliosissimo metallaro) e per una miscelazione semplice e concreta.

Tommaso Gava nasce nel 1990. Stella nascente della scena fisioterapica ligure, molla tutto per entrare a gamba tesa nel mondo della mixology. Se te lo ricordi al banco della Goccia, campione di shot e sbucciatore magistrale di frutta, sappi che nel 2018 entra in società con Giulio e Tommy, e che se i conti tornano, è anche merito suo.

Se però non sei della categoria di “quando si poteva fare serata nei vicoli” e te lo trovi dietro al bancone non farti intimidire dalla sua stazza, troverai l’oste dei tuoi sogni (basta non toccargli i capelli).

Amico dal liceo e coetaneo di Tommaso, Matteo Finocchiaro entra in società con l’apertura del nuovo Alla Goccia Shot Bar (fu 0,98 Atmosfere) (fu Alla Goccia) (fu che al mercato mio padre comprò) (fu che non è neanche più nostro). Così il team si arricchisce di un socio avvocato, che non fa mai male, specialmente se cela doti di cuoco stellato con sprazzi di chitarra solista anni ’90 (ma non chiedetegli di suonare i Queen).

Nella sua vita vanta centinaia di soprannomi, almeno uno per ogni anno di giurisprudenza: ad oggi lo chiamiamo Bomber, domani chissà.

Se vuoi collaborare, diventare partner o fornitore, bere o darci dei soldi, scrivici qui